Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista utenti   Gruppi   Registrati   Profilo   Messaggi privati   Log in 
ANALISI DAILY E WEEKLY
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 31, 32, 33, 34  Successivo
 
Nuovo argomento   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Live Forex Precedente :: Successivo  
Ads
 Inviato: Mar Mag 23, 2017 8:53 am  
Messaggio
  Ads




Video analisi Forex 14.02.2014 (Solo Grafici!)
 MessaggioInviato: Ven Feb 14, 2014 12:08 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

La settimana attuale ha evidenziato tre situazioni interessanti: le difficoltà nel mercato del lavoro australiano, la conferma di politica monetaria statunitense e la ripresa economica britannica.
Nel primo caso ricordiamo la pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro in Australia che ha mostrato una situazione non positiva dello stesso, con un leggero aumento della disoccupazione ed un calo dell’occupazione (e conseguente indebolimento del dollaro australiano).
Dagli Stati Uniti (con il discorso al Congresso del nuovo governatore Janet Yellen) è giunta una conferma in merito al proseguimento della politica monetaria della Federal Reserve che continuerà nel suo piano di riduzione dell’acquisto di asset (tapering) senza però aumentare, al momento, il livello dei tassi di interesse.
Nel Regno Unito è stato pubblicato il Report sull’inflazione della Bank of England che ha evidenziato un miglioramento dell’economia britannica, con un innalzamento nella stima del prodotto interno lordo ed raggiungimento del target di disoccupazione (7%) molto prima del termine di fine 2014.

La prossima settimana ricordiamo il meeting di politica monetaria in Giappone e la pubblicazione dei verbali relativi alle ultime riunioni monetarie della Bank of England e della Federal Reserve.
Vi lascio il mio video settimanale per condividere alcune fra le opportunità di trading dei prossimi giorni!

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Buon week-end
Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Segnali Forex: Usd-Yen, opportunità long di medio termine!
 MessaggioInviato: Lun Feb 17, 2014 6:48 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Usd-Yen, grafico di Price Action weekly
Usd-Yen: il grafico giornaliero della seconda coppia più importante del Forex evidenzia una tendenza ribassista e sotto la media mobile 21; nonostante questo, il trend di medio-lungo periodo è ancora impostato al rialzo. Il grafico settimanale, infatti, evidenzia una reazione di Usd-Yen sul supporto daily 101,50 ma soprattutto sulla zona dinamica rappresentata proprio dalla EMA21 la quale potrebbe spingere nuovamente la quotazione al rialzo. Sempre nel time frame settimanale possiamo anche notare un possibile pattern (flag/bandiera) di continuazione, la cui rottura potrebbe far proseguire l'uptrend con un target di medio periodo anche in area 109. Cerchiamo spunti di entrata long possibilmente nel grafico giornaliero.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Calendario Forex
La settimana attuale inizia nel segno del Giappone: in attesa del meeting di politica monetaria di domani, abbiamo ricevuto oggi i dati relativi alla produzione industriale ed al prodotto interno lordo. In entrambi i casi le notizie non sono positive visto il calo della prima ed un PIL dimezzato rispetto alle attese. A questo punto è probabile assistere a nuove imminenti riforme fiscali da parte del premier Shinzo Abe e ad un possibile incremento del quantitative easing della banca centrale.
Con i mercati americani chiusi per la festività del Washington's Birthday, l'indice giapponese Nikkei ha terminato le negoziazioni in rialzo. Contrastati e poco mossi gli indici europei.
Domani, come anticipato, avremo la riunione monetaria della Bank of Japan con le decisioni sui tassi e sulla base monetaria; il Minute della banca centrale australiana; l'inflazione britannica; il consueto indice ZEW tedesco; la fiducia nell'economia della zona euro.

Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Segnali Forex: Aud-Chf, pronti ad uno short di medio periodo
 MessaggioInviato: Mer Feb 19, 2014 6:46 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Aud-Chf, grafico di Price Action weekly
Aud-Chf: il grafico weekly ci mostra un chiaro trend ribassista iniziato quasi un anno fa con Aud-Chf pressoché costantemente al di sotto della media mobile. Dopo la prima forte discesa del 2013 abbiamo avuto un movimento correttivo che ha disegnato una flag di continuazione e che potrebbe spingere (sempre in ottica weekly) ad un deprezzamento fino al target tecnico in area 0,7350. Dopo il successivo calo della quotazione, di fine 2013, il prezzo si trova all'interno di un movimento di lateralità di medio termine compreso tra i livelli 0,7780 e 0,8180. La EMA 21 è in avvicinamento come resistenza dinamica e, nell'ottica di quanto sopra evidenziato, sarebbe molto interessante trovare uno spunto short per riprendere il movimento ribassista. Il prezzo quota leggermente al di sopra della media nel grafico daily e potremmo vedere anche un nuovo ritest della resistenza 0,8180 per ricercare proprio in tale area un segnale di trading short per vendere ad un prezzo ancora migliore. Attenzione a break-out ribassisti del livello 0,7950 che potrebbero accelerare la discesa di Aud-Chf.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Calendario Forex
La Gran Bretagna e gli Stati Uniti sono stati i protagonisti del calendario economico odierno con market movers di alta volatilità. Dal Regno Unito infatti sono stati pubblicati i verbali relativi all'ultimo meeting di politica monetaria della Bank of England (confermando la forward guidance espansiva) e i dati sul mercato del lavoro (con un calo nell'occupazione ed un aumento a sorpresa della disoccupazione che si allontana leggermente dal target stabilito del 7% dopo ben 12 mesi). Dall'America giungerà tra poche ore il Minute della Federal Reserve per capire meglio le motivazioni alla base delle decisioni dell'ultima riunione monetaria.
Influenzata dalla debolezza di ieri, Tokyo ha chiuso la seduta in ribasso di mezzo punto. Anche gli indici europei aprono deboli per poi recuperare in linea con una ripresa (al momento) di Wall Street.
Intensa giornata macroeconomica quella che ci attenderà domani con una serie di dati manifatturieri (Cina, UE, Germania e USA); PMI servizi e fiducia consumatori della zona euro; inflazione, sussidi alla disoccupazione e super indice dagli Stati Uniti.

Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Video analisi Forex 21.02.2014 (Solo Grafici)
 MessaggioInviato: Ven Feb 21, 2014 12:45 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

La settimana che termina oggi ha evidenziato una sorpresa proveniente dal Regno Unito: l'incremento del tasso di disoccupazione. Lo stesso infatti, ormai prossimo al target del 7%, è salito al 7,2% dopo ben dodici mesi di continua discesa, con ovvio e momentaneo indebolimento della sterlina.
Ricordiamo la pubblicazione dei verbali relativi all'ultima riunione di politica monetaria in Giappone, Stati Uniti e Gran Bretagna senza sostanziali variazioni rispetto alle attuali linee guida.
Registriamo un altro calo nella produzione manifatturiera cinese e dati non positivi sono giunti, in tal senso, anche dalla Germania e dalla zona euro.
Sul valutario abbiamo assistito ad un recupero del dollaro, una variabilità per l'euro ed una situazione di rafforzamento dell'australiano.

La settimana prossima sarà densa di dati macroeconomici (nessun meeting di politica monetaria) in particolare relativi al prodotto interno lordi e all'inflazione.
Guardiamo insieme alcune fra le più interessanti situazioni grafiche nel mio solito video weekly!

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Buon week-end
Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Segnali Forex: Petrolio, cerchiamo un segnale di trading lon
 MessaggioInviato: Lun Feb 24, 2014 6:55 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Segnali Forex: Petrolio, cerchiamo un segnale di trading long

Petrolio, grafico di Price Action daily
Petrolio: il grafico giornaliero ci mostra un bel movimento rialzista iniziato a metà gennaio che ha portato il prezzo del WTI dai $91 ai $103 della scorsa settimana. Il trend di breve, indubbiamente rialzista e sopra la media mobile, ha avuto un'accelerazione dopo la violazione al rialzo del livello di resistenza $100,30 salvo poi intraprendere alcune sedute di storno tecnico dovute a prese di profitto. La strategia è quella di entrare in questo uptrend ed un segnale di trading long proprio sul livello appena menzionato (che adesso è un supporto) sarebbe l'ideale per comprare anche ad un prezzo conveniente. Lo stesso però, al momento, sta decisamente riprendendo forza e quindi valuterei anche un set up di price action bullish sul supporto intermedio $101,40. In entrambi i casi un possibile primo target di arrivo del petrolio sarebbe caratterizzato dall'area di resistenza $104 (massimi degli ultimi cinque mesi). Se non ci saranno ritest dei supporti attenderò rotture rialziste per cercare segnali long ed ulteriori rialzi fino al seguente livello $108,20.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Calendario Forex
Le principali notizie macroeconomiche di inizio settimana sono giunte dall'Europa con il consueto indice tedesco IFO sulla fiducia economica (in crescita e sopra le attese) ed il dato sull'inflazione della zona euro (confermato allo 0,8%).
Le borse asiatiche hanno iniziato l'ultima ottava di febbraio in modo debole (chiusura leggermente negativa per Tokyo). Intorno alla parità l'apertura europea che poi termina in positivo. In rialzo, al momento, Wall Street.
Il calendario economico di domani ci presenterà le aspettative di inflazione in Nuova Zelanda, il prodotto interno lordo tedesco, la fiducia dei consumatori statunitensi.

Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Segnali Forex: Aud-Nzd, riprende la discesa?
 MessaggioInviato: Mer Feb 26, 2014 6:44 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Aud-Nzd, grafico di Price Action settimanale
Aud-Nzd: il cross dell'Oceania si trova all'interno di un chiaro trend ribassista di medio/lungo periodo che si muove al momento all'interno di un range di lateralità tra i livelli 1,09 e 1,0550. Questa fase di accumulazione potrebbe essere simile a quella che Aud-Nzd ha già avuto a cavallo tra agosto e novembre 2013 per poi portare, eventualmente, ad una ripresa del movimento discendente verso i minimi storici di 1,0430. Considerando anche l'approssimarsi della media mobile nel time frame settimanale, potremmo considerare un segnale di trading short per entrare in vendita in un'area di prezzo molto interessante.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Calendario Forex
Il calendario economico odierno si è aperto con il buon dato tedesco sulla fiducia dei consumatori (aumentata nonostante le previsioni ribassiste). Dall'Inghilterra abbiamo ricevuto il prodotto interno lordo dell'ultimo trimestre 2013 (+0,7% come da attese) e dagli Stati Uniti il dato sulla vendita di nuove abitazioni (in netta ripresa).
Chiusura negativa per Tokyo, questa mattina, e debolezza anche per gli indici europei a differenza di quelli statunitensi che, al momento, viaggiano in terreno positivo.
Fra le notizie più importanti di domani ricordiamo il prodotto interno lordo svizzero, i dati sul lavoro e sull'inflazione in Germania, la fiducia economica della zona euro, gli ordini dei beni durevoli ed i sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti, il discorso del governatore della Fed al Senato USA in merito alla politica monetaria.

Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Video analisi Forex 28.02.2014 (Solo Grafici)
 MessaggioInviato: Ven Feb 28, 2014 1:19 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Quella attuale è stata una settimana decisamente tranquilla, con ordinari market movers che non hanno generato forti movimenti nei mercati e nessun meeting di politica monetaria...una sorta di "quiete prima della tempesta". La settimana prossima infatti, come spesso succede all'inizio di ogni mese, si concentreranno insieme tantissime notizie di alta volatilità che potrebbero spostare gli equilibri nel mercato valutario: ben quattro decisioni di tassi di interesse (Australia, Canada, Regno Unito e zona euro), Non Farm Payrolls statunitensi, notizie sul mercato del lavoro in Canada e Svizzera, molti dati manifatturieri ecc.

Vediamo nel mio consueto video settimanale quali potrebbero essere, da un punto di vista tecnico, alcune tra le migliori opportunità di inizio marzo.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Buon week-end
Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Segnali Forex: Eur-Usd, resistenza importante ed incognita U
 MessaggioInviato: Lun Mar 03, 2014 6:38 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Eur-Usd, grafico di Price Action mensile
Eur-Usd: il grafico settimanale e giornaliero del cambio principale del Forex evidenzia un movimento rialzista di medio termine, con il prezzo ben al di sopra della media mobile. Seppur priva di grande linearità e continuità, abbiamo assistito ad una fase ascendente che, nel giro di quasi otto mesi, ha generato un apprezzamento dell'euro contro il dollaro di ben 10 figure, passando dal livello 1,28 dello scorso luglio all'attuale 1,38. Quest'ultima area di prezzo rappresenta per l'Eur-Usd una zona molto importante non solo perché più volte testata negli ultimi anni, ma anche perché ci troviamo su un' area rilevante da un punto di vista dinamico: aprendo il time frame mensile possiamo infatti notare come sul livello 1,38 giunga la trend line ribassista di lungo periodo (partita dal luglio 2008). Valutare la price action in questa zona grafica sarà quindi basilare per identificare possibili ingressi long di continuazione del trend di breve o, al contrario, la presenza di segnali di trading short per una ripresa della tendenza di lungo termine e l'apertura di una posizione in vendita con possibile target in area 1,3150.
Purtroppo l'analisi tecnica non è aiutata in questi giorni dalle notizie internazionali, considerando la grande incertezza che ci riserva la situazione ucraina ed il possibile inizio di una guerra russa. Un evento sicuramente di carattere eccezionale la cui ufficializzazione o, speriamo, la sua risoluzione potranno sicuramente influire sull' Eur-Usd con una fortissima volatilità.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Calendario Forex
Questa settimana sarà ad altissima intensità non solo per il calendario economico particolarmente importante ma anche, e soprattutto, per le tensioni belliche in Ucraina che potrebbero modificare molto gli equilibri che si stavano creando nel mercato azionario e valutario (abbiamo iniziato subito con un crollo del Rublo russo, rialzo dell'oro ed incremento a sorpresa del tasso di interesse russo dal 5,5% al 7%).
La giornata odierna, da un punto di vista macroeconomico, ci ha presentato molti dati manifatturieri (in Cina, zona euro, Francia, Germania, Italia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti): leggera discesa in Cina, ma attesa; negli USA ed in Europa tutti positivi e sopra le previsioni i dati manifatturieri (tranne in Italia). Ricordiamo anche il dato non manifatturiero cinese e la spesa individuale negli USA (entrambi in aumento).
Il mercato azionario risente pesantemente della crisi Ucraina e di un possibile imminente conflitto: i mercati asiatici hanno chiuso la prima seduta del mese in netto calo, così come i due principali indici russi (Micex e RTS) che hanno terminato con un crollo rispettivamente del 5% e 7%. Apertura pesantemente negativa anche per le borse europee che chiudono sulla stessa direzione. Deboli le borse americane.
Nel calendario macro di domani ricordiamo soprattutto la prima delle quattro riunioni di politica monetaria, quella in Australia, con il consensus degli analisti per un mantenimento dell’attuale livello di tasso al 2,50%.

Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Segnali Forex: Argento, cerchiamo un segnale long sul suppor
 MessaggioInviato: Mer Mar 05, 2014 6:56 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Argento, grafico di Price Action giornaliero
Argento: il forte movimento di rialzo a cui abbiamo assistito nel mese di febbraio ha parzialmente perso di forza riportando la quotazione dai $22,30 all'area $21. La situazione, per correlazione, è molto simile a quella dell'oro con la differenza che per l'argento siamo già arrivati sul supporto statico daily e su quello dinamico rappresentato dalla media mobile 21. Una valida strategia potrebbe essere quella di ricercare proprio in quest'area un chiaro segnale di price action long per riprendere il movimento rialzista che aveva portato alla rottura della EMA21 nel time frame settimanale. Prestiamo comunque attenzione perchè proprio su quest'ultimo lasso temporale la candela in formazione è tutt'altro che rialzista (anche se, ovviamente, siamo solo a metà settimana!) e nel grafico H4 l'argento è ancora sotto la media e all'interno di un mini trend ribassista. Valutiamo quindi set up di trading evidenti e preferibilmente nel grafico daily.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Calendario Forex
Ad inizio giornata abbiamo ricevuto dall'Australia il dato sul prodotto interno lordo che non solo ha confermato le attese ma è salito al di sopra delle previsioni (+0,8% ne quarto trimestre). In Canada si è tenuta la seconda riunione di politica monetaria della settimana con conferma da parte del governatore Stephen Polloz dell'attuale livello dei tassi all'1%. Ricordiamo oggi gli ottimi dati sul PMI servizi in molte zone geografiche: Cina, Italia, Francia, Germania, zona euro, Regno Unito (tutti quanti sopra le previsioni!). Dall'Europa il dato sulle vendite al dettaglio è salito ben al di sopra delle attese mentre quello sul prodotto interno lordo ha rispettato le previsioni. Dagli Stati Uniti abbiamo ricevuto il dato sulla produzione non manifatturiera (peggio del previsto) e, tra poche ore, il consueto appuntamento con la pubblicazione del Beige Book della Federal Reserve in preparazione del meeting del 18 marzo.
Ancora positiva la chiusura di Tokyo (+1,20%); apertura leggermente negativa per le borse europee che chiudono poi contrastate (ma buona performance per Milano e Madrid). Intorno alla parità, al momento, gli indici americani.
Al di là della consueta attenzione alle notizie internazionali (Ucraina) che interessano i mercati, il calendario macroeconomico di domani evidenzia soprattutto le due riunioni di politica monetaria della BCE e della Bank of England con i relativi discorsi dei suoi governatori (nessuna modifica dei tassi è in previsione). Tra gli altri market mover rilevanti possiamo ricordare le vendite al dettaglio australiane ed i sussidi alla disoccupazione USA.

Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
 MessaggioInviato: Mer Mar 05, 2014 9:07 pm Rispondi citando  
Messaggio
  LVCA
Professore
Professore

Registrato: 11/12/11 09:16
Messaggi: 1579

Complimenti Maurizio ma parli lo spagnolo perfettamente, meglio di me !!
Profilo Invia messaggio privato
 MessaggioInviato: Mer Mar 05, 2014 9:47 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Grazie Luca,
ho familiari madre lingua per cui...volente o nolente ho dovuto imparare!
Un caro saluto, hasta luego!
Maurizio

LVCA ha scritto:
Complimenti Maurizio ma parli lo spagnolo perfettamente, meglio di me !!
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Video analisi Forex 07.03.2014 (Solo Grafici)
 MessaggioInviato: Ven Mar 07, 2014 1:12 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

La settimana appena conclusa potrebbe essere, a mio avviso, la più intensa e volatile di tutto il mese di marzo dato che, oltre ai molti e importanti market movers, abbiamo avuto una volatilità "aggiunta" in relazione alla difficile situazione ucraina.

Le quattro riunioni di politica monetaria che si sono realizzate non hanno generato modifiche nei rispettivi livelli dei tassi di interesse e cioè 2,50% in Australia, 1% in Canada, 0,50% in Gran Bretagna e 0,25% nella zona euro. Anche da un punto di vista di "linee guida" di politica monetaria non ci sono state grandi variazioni, considerando la conferma inglese sull'acquisto di asset (375 miliardi di sterline al mese) e la continuazione della "forward guidance" della BCE al fine di garantire la crescita economica e la stabilità dei prezzi.
La settimana si conclude con una serie di dati sul mercato del lavoro: in Svizzera, Canada ma, soprattutto, negli Stati Uniti con la pubblicazione delle Non Farm Payrolls e la consueta volatilità che gli stessi generano.

Nel video settimanale di questo venerdì analizzo alcuni strumenti interessanti (Eur-Aud, Usd-Chf, Petrolio) nonché la situazione delle mie operazioni a mercato.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Buon week-end
Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Segnali Forex: Eur-Gbp, un segnale short sulla resistenza o
 MessaggioInviato: Lun Mar 10, 2014 6:48 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Eur-Gbp, grafico di Price Action giornaliero
Eur-Gbp: non è sicuramente tra le coppie che esprimono, da un po' di tempo, una direzionalità molto chiara e lineare comunque la tendenza di medio termine è ancora impostata al ribasso (anche nel time frame weekly il prezzo continua ad essere in linea con la media mobile) riflettendo una situazione di stampo fondamentale che premia la crescita ed il miglioramento del Regno Unito. Nel breve periodo Eur-Gbp ha evidenziato però una forte ripresa che ha riportato il cross sulla zona di resistenza 0,8320 importante perché valida anche da un punto di vista dinamico con il passaggio della trendline ribassista di più lungo periodo. Una strategia potrebbe essere quella di ricercare proprio su tale livello chiave un segnale di trading short per riprendere una fase di discesa della quotazione con target il supporto 0,8160. Al contrario, un' eventuale rottura rialzista (come sembra verificarsi oggi) potrebbe farci considerare l'apertura di posizioni long con target sulla resistenza successiva 0,8460.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Calendario Forex
In attesa di ulteriori sviluppi sulla situazione ucraina, ci siamo lasciati alle spalle una settimana di altissima volatilità e ne iniziamo un’altra che dovrebbe essere più “tranquilla”. La giornata odierna è stata caratterizzata da alcuni dati provenienti dal Giappone, in particolare il prodotto interno lordo che nel quarto trimestre è cresciuto (0,2%) come da attese ma meno della precedente rilevazione; le vendite al dettaglio svizzere, in netto calo; la fiducia degli investitori nella zona euro, in rialzo quasi come da attese.
Inizio negativo per le borse asiatiche con l'indice giapponese che chiude cedendo un punto percentuale; i listini europei aprono al rialzo per poi passare in negativo e chiudere contrastate, vista anche la debolezza di Wall Street.
Il calendario economico di domani ci presenterà, come market mover più importante, il meeting di politica monetaria in Giappone e la conferenza stampa del governatore Kuroda. Ricordiamo inoltre la fiducia economica australiana e la produzione industriale, manifatturiera e la stima del PIL nel Regno Unito.

Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Segnali Forex: Aud-Nzd, ci avviciniamo ai minimi storici.
 MessaggioInviato: Mer Mar 12, 2014 6:06 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Aud-Nzd, grafico di Price Action giornaliero
Aud-Nzd: come anticipato in uno dei miei precedenti post e dopo aver toccato la media mobile, il prezzo ha ripreso il movimento ribassista che ha contribuito a spingere il cross dell'Oceania verso la zona 1,05. Il quadro tecnico evidenzia un trend di medio termine short ben definito ma da fine anno Aud-Nzd si trova in questa lateralità che non riesce ancora a violare. Sarà quindi interessante valutare la price action proprio sulla zona di supporto sopra menzionata perchè un chiaro segnale long potrebbe essere negoziato per vedere un ritorno del prezzo verso il lato superiore di questo range (1,09); a rafforzare questa potenziale situazione vi è anche la presenza di un livello storico di minimo di Aud-Nzd a 1,0440.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Calendario Forex
Il calendario economico di oggi è iniziato con un paio di dati sulla fiducia dei consumatori dall’Australia e dal Giappone, nel primo caso abbiamo riscontrato un netto aumento al contrario della fiducia giapponese che è risultata in calo.
Dalla zona euro la produzione industriale è risultata essere superiore alle attese al 2,1%.
Il market mover principale della giornata è comunque il meeting di politica monetaria che si terrà tra pochissime ore in Nuova Zelanda; il consensus degli analisti è per un incremento dei tassi al 2,75% (attenzione alla volatilità sul cambio).
Oggi i mercati azionari asiatici hanno archiviato una pessima giornata con chiusure nettamente negative (Nikkei -2,60%); anche le borse europee dopo un'apertura incerta virano al ribasso così come gli indici americani che si muovono, deboli, intorno alla parità.
Per domani ricordiamo le aspettative di inflazione e i dati sul mercato del lavoro in Australia; la produzione industriale e le vendite al dettaglio in Cina; il report mensile della BCE; le vendite al dettaglio e i sussidi alla disoccupazione USA; l’indice manifatturiero neozelandese.

Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Video analisi Forex 14.03.2014 (Solo Grafici)
 MessaggioInviato: Ven Mar 14, 2014 12:48 pm Rispondi citando  
Messaggio
  Maurizio Orsini
Senior Trader
Senior Trader

Registrato: 19/04/12 13:33
Messaggi: 454

Settimana decisamente meno volatile, quella che termina oggi, rispetto ai fuochi d'artificio di quella passata ma comunque con interessanti spunti di riflessione.

Nella riunione di politica monetaria che si è tenuta in Giappone sono stati confermati sia i tassi di interessi che la base monetaria in un clima di "attesa" che al momento sta generando un leggero rafforzamento dello yen ed un rallentamento di quegli effetti positivi che aveva generato il Quantitave Easing nell'aprile 2013.
Nel secondo meeting monetario in Nuova Zelanda il governatore Wheeler (come da attese) ha deciso di aumentare il tasso di riferimento al 2,75% confermando il buon stato di salute dell'economia domestica e aprendo la strada, magari, per mosse restrittive in altre zone geografiche (Australia?).

A proposito di dollaro australiano, facciamo attenzione alla contrazione dell'economia cinese (vendite al dettaglio e produzione industriale sotto le attese) perché, vista la stretta correlazione, potrebbe influenzare l'export australiano e ridurre gli effetti positivi legati ai buoni dati macro giunti negli scorsi giorni.

Nel video settimanale di questo venerdì analizziamo i grafici di Aud-Nzd, Eur-Usd, Gbp-Yen ed i metalli preziosi.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Buon week-end
Maurizio Orsini

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Nuovo argomento   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum » Live Forex

Pagina 32 di 34
Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 31, 32, 33, 34  Successivo

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e

CI SIAMO TRASFERITI QUI: http://forum.forexup.biz





Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group phpbb.it
Macinscott 2 by Scott Stubblefield


Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Confirmed

Page generation time: 0.763